Gli Astrovirus, sono piccoli virus ad RNA a simmetria icosaedrica, sprovvisti dienvelope, il cui nome è riconducibile alla caratteristica forma stellata che alcune particelle virali possiedono quando osservate al microscopio elettronico.Il genere Astrovirus, incluso nella famiglia Astroviridae, comprende 14 differenti specie delle quali 7 sono responsabili della comparsa di malattia nell’uomo.

Epidemiologia
I bambini di età inferiore ai 5 anni risultano essere i più sensibili alle gastroenteriti daAstrovirus.
La trasmissione avviene per via orofecale. Il contagio  diretto fra soggetto sano ed infetto rappresenta la modalità di diffusione del virus più comune sebbene, a causa dell’elevata resistenza dello stesso nell’ambiente esterno, sia possibile una trasmissione indiretta tramite oggetti contaminati.
L’acqua ed il cibo rappresentano un’importante veicolo delle particelle virali. A tal proposito un’indagine condotta negli USA ha messo in evidenza che ogni anno si verificano 39.000 casi di gastroenterite da Astrovirus a trasmissione alimentare.

Sintomi
Il periodo di incubazione della malattia è solitamente breve (24-72 ore). La gastroenterite da Astrovirus esordisce rapidamente ed è caratterizzata da diarrea acquosa della durata di 2-3 giorni sebbene in alcuni casi la dissenteria possa presentarsi anche per 7-14 giorni. Altre manifestazioni cliniche associate sono febbre, nausea, vomito e cefalea. Nei soggetti immunodepressi o con patologie pregresse a carico dell’apparato digerente, la malattia è più severa ed i sintomi si protraggono anche per 128 giorni.
In talune circostanze le gastroenteriti da Astrovirus sono associate ad infezioni miste a carico di altri patogeni; non è ancora chiaro il reale significato clinico di tale evenienza in quanto solo raramente essa si accompagna all’ intensificarsi del quadro sintomatologico.

Diagnosi
La diagnosi di sospetto della malattia tiene in considerazione il breve periodo di incubazione, la comparsa rapida dei sintomi e l’età del paziente affetto.

Prevenzione, controllo e terapia
La trasmissione delle gastroenteriti da Astrovirus si verifica soprattutto per via orofecale di conseguenza la prevenzione deve vertere sui seguenti punti:

  • Evitare di entrare in contatto con escrementi umani o all’evenienza indossare guanti maneggiando materiale infetto o lavarsi accuratamente le mani. Queste pratiche andrebbero potenziate nelle comunità più a rischio quali asili, scuole per l’infanzia ecc.;
  • Evitare possibili contaminazioni fecali di acqua e cibo e trattare gli stessi con l’impiego di alte temperature (per esempio bollitura);
  • Disinfettare accuratamente i materiali e le superfici eventualmente contaminate, impiegando metanolo al 90%.


Sebbene non siano ancora state completamente chiarite le indicazioni per il suo impiego e le procedure da mettere in atto, una profilassi passiva con immunoglobuline può essere d’ausilio nel caso di pazienti con immunodeficienze gravi per i quali un trattamento sintomatico potrebbe rivelarsi inefficace.
Non è disponibile allo stato attuale delle conoscenze, un vaccino efficace nel prevenire le gastroenteriti da Astrovirus.
Non esiste una terapia specifica per le gastroenteriti da Astrovirus. Di solito le infezioni non richiedono alcun trattamento. Talvolta può essere utile somministrare farmaci per diminuire l’intensità dei sintomi e le eventuali complicazioni. In alcuni casi può rendersi necessaria l’ospedalizzazione del pazienti.

Questo sito internet utilizza cookie per le proprie funzionalità e per fornire eventuali servizi in linea con le Vostre preferenze.
Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si considera accettato il loro utilizzo.
I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente.
Se invece desiderate saperne di più e/o negare il consenso a tutti oppure ad alcuni cookie tra quelli utilizzati sciacciate il tasto "Approfondisci...".